FAST FASHION È MODELLO INSOSTENIBILE, SFRUTTA LAVORATORI E AMBIENTE

2 Giugno 2023

“Il Parlamento europeo ha votato ieri una relazione cruciale per garantire la sostenibilità di tutti i prodotti tessili venduti nell’Unione Europea, in linea con gli obiettivi del Green Deal e della giustizia sociale. Si tratta di un testo di grande urgenza e attualità, basti pensare che nel mondo la produzione tessile è aumentata del 100% tra il 2000 e il 2015 e si calcola che la domanda di abbigliamento aumenterà di oltre il 60% entro il 2030. Non solo: questo settore produttivo si distingue, come ormai sappiamo, per condizioni lavorative inique, spesso assimilabili a vero e proprio sfruttamento. Ecco perché creare un’industria tessile sostenibile in Unione europea è di importanza fondamentale, sia in vista degli obiettivi di neutralità climatica, sia nella tutela dei diritti dei lavoratori”, così in una nota Maria Angela Danzì, europarlamentare del Movimento 5 Stelle.

“La relazione invita la Commissione e il Consiglio a porre fine all’industria ‘fast fashion’, che abusa e sfrutta sia le risorse del nostro pianeta che le persone. Dobbiamo mettere definitivamente la parola ‘fine’ a questo modello dannoso, che antepone il profitto e il consumismo al benessere dei lavoratori e a quello dell’ambiente. La transizione passa imprescindibilmente anche dal tessile: non possiamo ignorare il fatto che gli abiti, troppo spesso e sempre più frequentemente, diventano rifiuti che popolano le discariche in Paesi come il Ghana e il Nepal. Dobbiamo ripensare la stessa progettazione dei tessili in modo tale che siano riciclabili e vietarne definitivamente la distruzione”, conclude Danzì.

Vuoi rimanere aggiornato? Iscriviti alla Newsletter

https://mariangeladanzi.it/wp-content/uploads/2023/09/Tavola-disegno-11-copia-2-320x167.png
© 2023/24 - Maria Angela Danzì • Non-attached member of the European Parliament
Contatti
Parlamento europeo • Rue Wiertz 60, 1047 Bruxelles
error: Content is protected !!