GENOVA, M5S PRESENTA ALLA COMMISSIONE EUROPEA UN’INTERROGAZIONE SULLA FUNIVIA DI FORTE BEGATO

20 Ottobre 2023

Insieme alla collega capo delegazione al Parlamento europeo Tiziana Beghin  abbiamo espresso forti preoccupazioni sul progetto sia dal punto di vista ambientale che di sicurezza per i cittadini.

Da Genova all’Europa, il passo è breve. Massimiliano Lucente, delegato M5S in commissione nel Municipio Centro Est del capoluogo ligure, ha segnalato all’attenzione dei rappresentanti del Movimento 5 Stelle al Parlamento europeo le criticità del piano di realizzazione di una infrastruttura funiviaria di collegamento tra il Forte Begato e la Stazione Marittima che dovrebbe sorvolare il quartiere del Lagaccio.

All’appello abbiamo prontamente risposto: tale progetto comporta notevoli implicazioni dal punto di vista ambientale e paesaggistico, in quanto prevede l’edificazione di piloni di notevole altezza, con il concreto rischio di un impatto negativo sull’ambiente circostante. Inoltre sorge una preoccupazione rilevante per la sicurezza dei cittadini, considerando che la cabinovia attraverserà un’area densamente abitata.

Nonostante l’Unione europea abbia stabilito norme per garantire la sicurezza di strutture simili, al momento manca una normativa specifica per regolare il passaggio di funivie sopra aree urbane densamente popolate, specialmente per quanto riguarda i protocolli di evacuazione delle cabine in caso di guasti o di situazioni di emergenza.

Va notato che il progetto attualmente proposto non è stato sottoposto a una Valutazione di Impatto Ambientale, né a un’analisi costi-benefici che dimostri la sostenibilità economica dell’opera. Questo aspetto è particolarmente critico, soprattutto perché i costi di manutenzione non sono stati inclusi nel finanziamento precedentemente pianificato.

Alla luce di queste preoccupazioni, abbiamo prontamente inviato un’interrogazione scritta prioritaria alla Commissione europea in cui chiediamo se non sia opportuno prevedere una modifica del Regolamento (UE) 2016/424 che garantisce la sicurezza di impianti urbani, e se non siano necessarie verifiche affinché si stabilisca se le norme ambientali sono rispettate dal progetto in essere.

In attesa della risposta della Commissione, prevista entro tre settimane, il Movimento 5 Stelle continuerà a monitorare da vicino l’evoluzione della situazione, assicurandosi che vengano rispettati gli standard di sicurezza e ambientali previsti dall’Unione europea.

Vuoi rimanere aggiornato? Iscriviti alla Newsletter

https://mariangeladanzi.it/wp-content/uploads/2023/09/Tavola-disegno-11-copia-2-320x167.png
© 2023/24 - Maria Angela Danzì • Non-attached member of the European Parliament
Contatti
Parlamento europeo • Rue Wiertz 60, 1047 Bruxelles